Tag Archives: marketing

Word of mouth 2

17 Lug

Neanche a volerlo fare apposta, oggi mi collego al sito della Ferpi per aggiornarmi sulle ultime novit√† e, Toh!, cosa trovo?? Un articolo sulla nascita della prima associazione italiana di professionisti del Word of Mouth Marketing (Wommi)! ūüôā

Che altro aggiungere? Semplicemente che il passaparola √® vecchio quanto l’uomo e con questi si √® evoluto: se anticamente veniva usato per tramandare usi, costumi, storie e credenze popolari, oggi pu√≤ essere utilizzato anche in ambito professionale e per la sua diffusione si hanno a disposizione molti pi√Ļ canali oltre a quello orale.

Credo molto nelle potenzialit√† di questo “strumento” semplice e naturale a disposizione dell’uomo.

Se ci credi anche tu, fai come me: Virtuos@Mente, Passaparola! ūüėČ

OmniCom Expo

19 Mag
Nuova fiera di Roma, 12-14 maggio 2009. Finalmente si avvia un evento interamente dedicato al mondo della comunicazione, ai suoi attori, alle sue discipline e loro applicazione: OmniCom Expo. Stand, convegni, seminari. Ospiti di un certo spessore professionale. Patrocinio scientifico¬†della Facolt√† di Scienze della Comunicazione, Universit√† degli studi di Roma “la Sapienza”.
 
Alcuni giorni prima smanetto in internet alla ricerca di novit√† relative alle RP, alla comunicazione, al marketing ed ecco saltar fuori l’OmniCom Expo.
Inizio a navigare fra le pagine web dedicate all’evento per capire meglio in cosa consistesse, come si sviluppasse e che cosa offrisse. Mi vien voglia di potervi partecipare ma, lavorando a Milano, devo scegliere uno dei tre giorni. Mi colpisce il convegno “In principio erat verbum” e, da appassionata della parola e del suo universo, scelgo il 13 maggio. Vedo che fra i relatori ci sar√† il prof. Morcellini (non credo ci sia bisogno di aggiungere altro) e che, per l’appunto, l’evento √® patrocinato da “la Sapienza – Facolt√† di Scienze della comunicazione”. Solo queste due informazioni sono servite per accrescere la mia curiosit√† e la voglia di poter dire: ¬†“Ci sono stata!”. Certo, mi¬†sarei aspettata di ritrovare anche il contributo della Ferpi: vuoto incomprensibile (almeno¬†per me).
Mercoled√¨ 13 maggio, ore 7.30. Euforica e piena di alte aspettative mi accomodo nel treno che mi porter√† a Roma. Ho solo un po’ di dispiaciuta consapevolezza dovuta al fatto che non riuscir√≤ a seguire tutti i convegni e seminari di mio interesse in quanto alcuni coincidono nell’orario. Cos√¨¬†si formano in me i primi interrogativi: “Come mai hanno organizzato tutti questi convegni e seminari facendone coincidere gli orari? Non hanno pensato che qualcuno¬†potrebbe essere¬†interessato a seguirne¬†pi√Ļ di uno?”. E’ ancora troppo presto per perdermi in riflessioni pi√Ļ o meno profonde.
 
Finalmente arrivo a destinazione e la prima cosa che mi colpisce √® il “deserto” intorno a me. Dove stanno tutti i visitatori? Siamo davvero in pochi!
Proseguo alla ricerca delle sale dove si svolgono i convegni. Mi perdo nei meandri del nuovo e mega polo fieristico romano, ma fortunatamente insieme con altri lost riesco a trovare la strada giusta (dove stanno le indicazioni?!).
 
Riesco a seguire il primo convegno: Comunicazione via internet: l’altra met√† dei “mezzi” – Le opportunit√† della comunicazione in rete e la relazione con il marketing mix, promosso da IAB.¬†Facile dedurre che si √® parlato dell’importanza e del ruolo strategico che sta ricoprendo internet nelle aziende,¬†senza mai abbandonare tutti gli altri¬†strumenti; anzi, integrandolo con questi.¬†Costi quasi azzerati; target molto vasti; integrazione di audio, video, immagini, testo; comunicazione bidirezionale. Sicuramente un tesoro inestimabile, una miniera d’oro ma anche un’arma a doppio taglio, un’anguilla che ti scivola tra le mani. Termina il convegno fra gli inni di gloria di Salvatore Ippolito, Sales Director di Microsoft Digital Advertising Solutions Italia e Consigliere IAB, relativi alle scelte vincenti sia di utilizzare il tema del “game” nelle campagne realizzate dalla Microsoft e sia di ricorrere ai canali di Msn, Windows Live, Xbox.com e Office OnLine (facile giocare in casa!) per raggiungere innumerevoli utenti.
 
In attesa di poter seguire il convegno “In principio erat verbum”, faccio un giro fra gli stand.
Stand incustoditi, numero di visitatori davvero esiguo.
Avendo visitato Grafitalia e Visual Communication, una valanga di domande mi invade:
“Perch√© cos√¨ poca affluenza?”
“Il primo evento sui servizi globali per la comunicazione non dovrebbe esplodere di visitatori?”
“Solo il patrocinio di Scienze della comunicazione de “La Sapienza” non avrebbe dovuto garantire un’elevata presenza di pubblico giovanile?”
Insomma, un evento sulla comunicazione che non √® riuscito a promuoversi adeguatamente. Ne ho avuto conferma dal solo fatto che studenti di scienze della comunicazione di Roma non ne conoscessero l’esistenza!
 
Oggi si fatica tanto per convincere le aziende, soprattutto medio-piccole, che¬†spendere tempo ed energie nel campo della comunicazione √® fondamentale; poi ci si ritrova davanti al paradosso di una comunicazione inefficace e inefficiente per un importante evento sulla comunicazione a 360¬į.
L’unica spiegazione plausubile che mi son voluta dare per essere ottimista e costruttiva √® scaturita dalla “verginit√†” dell’evento.
Mi auguro fortemente, quindi, che questo sia stato il trampolino di lancio per un evento che si possa consolidare nel tempo, perché sicuramente indispensabile in un mondo moderno e/o postmoderno totalmente permeato dalla comunicazione. Perché, nel nostro Paese, tale settore necessita di un evento del genere e, soprattutto, perché si possa creare una rete di relazioni (anche questa, oggi, assolutamente imprenscindibile) proficua e duratura.
 
Finalmente √® arrivata l’ora del convegno “In principio erat verbum”…¬†¬†
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: