Hic et nunc

27 Mag

Fai l’amore con me in piscina prima che vada via?

Dove vai?

Torno alle origini.

Quando?

Tra 15 giorni.

Per quanto tempo?

Indefinito.

Che vuol dire?

Vuol dire che parto e non so se e quando tornerò. Ma hai deviato l’argomento. Non hai voglia?

Sì che ho voglia, ma…

Ma?

Ma non voglio che tu te ne vada.

Smettila. Sai bene come stanno le cose.

Sì, lo so. E so che sei stata un incontro inaspettato. Ricordi il nostro primo incontro? Ricordi che come un imbranato ho fatto cadere il portapenne dalla scrivania per darti la mano?

Certo che lo ricordo. Pensai che per la figuraccia mi avresti dato il ben servito. E contemporaneamente, ricordo che sentii le farfalle nello stomaco e una forte attrazione.

Sei entrata da quella porta con un’aurea luminosa che mi ha abbagliato. Emani energia pura. Me l’hai trasmessa subito. E mi hai fulminato all’istante.

Mi prendi in giro?

Perché dovrei? Non ne vedo il motivo.

Sai bene che non voglio che tu mi dica queste cose. Non voglio che tu mi corteggi.

Sono sincero con te. Sento queste cose e te le dico.

Finisce che litighiamo e non sono qui per questo.

Perché dovremmo litigare?

Perché le cose che dici sono in contrasto col tuo comportamento. Siamo stati lontani per cinque mesi. Sei sparito. Mi hai allontanata senza spiegazioni concrete.

Sì è vero. Ti ho allontanata per il tuo bene, perché ti rispetto. Mi avevi detto che sentirti rifiutata da me ti aveva ferito e quindi la conseguenza naturale è stata quella di allontanarmi. Però ti ho pensata; ho pensato alle nostre parole, alle risate, ai nostri baci, ai nostri momenti intimi. Ti ho sempre immaginata e ricordata sorridente e questo mi faceva stare bene. Mi hai trasmesso sempre tanta gioia, tanta positività. Ho sempre avuto tanta voglia di sentirti, vederti.

Ovviamente allontaniamo sempre le cose che ci fanno stare bene. L’essere umano è proprio strano.

Il punto è un altro. Tu hai preso una strada; hai preso delle decisioni importanti. Io sono ancora in un limbo. Spesso le tue parole mi facevano male perché mi rendevo conto di essere imprigionato in me stesso.

Liberati.

Non posso.

Non vuoi.

Forse.

Basta! Hai voglia di fare l’amore con me in piscina prima che parta?

Ho voglia.

Quando?

Non hai paura?

No. Tu hai paura?

Sì.

Di cosa?

Di perderti.

Non mi hai mai avuta.

Lo so. Ti vorrei.

Non sono un oggetto. Ho smesso di legarmi. E di creare legami. Voglio solo stare bene con te. Qui e ora.

Sei forte.

Sì, lo sono. Deciditi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: