Archivio | ottobre, 2020

Questione di tempo

31 Ott

“Devi bastare a te stess* il resto non conta”.

Riflettevo su questa frase che psicologi, sociologi, terapeuti vari spacciano per verità assoluta.

Partiamo dal presupposto che io basto a me stessa.

Riesco benissimo a fare tutto da sola: cinema, teatro, concerti, presentazioni, camminate, bevute, mangiate, sport…

A volte se ne sente proprio il bisogno.

Però… forse non proprio tutto.

Fai figli da sol*? Il progresso ti permetterebbe anche questo.

Provi piacere da sol*? La natura ti permetterebbe anche questo.

Però… vuoi paragonare fare cose di quel tipo in compagnia?

Tutta un’altra musica, secondo me.

Allora, io dico basta con questa storia che dobbiamo bastare a noi stessi per stare bene perché condividere gioie e dolori con qualcuno ha tutto un altro sapore.

Peccato che ci facciamo convincere del contrario e finiamo col lottare con noi stessi.

Forse dobbiamo solo avere la pazienza di trovare la chiave che apre la nostra serratura.

Fiducia

30 Ott

Pensieri pesanti

Come elefanti

Tra sogni di cristallo

Traballano

Poi si specchiano

Si accettano

E volano in alto.

Lègami o legàmi

28 Ott

Cosa lega veramente due persone:

L’abitudine?

La complicità?

La passione?

L’affetto?

La paura?

L’amore?

Il sesso?

Danziamo al tempo delle emozioni su sentimenti contaminati.

Confondiamo il piacere con il dovere.

Sopprimiamo l’istinto per la ragione.

Ladybird

17 Ott
Foto mia

“Esplosioni (sbang!) sento come se
Temporale e mare in tempesta fosse dentro di me
C, O, doppia C, N, E, doppia L, A
Non so bene neanch’io che cosa provo in realtà
Però son qui che canto le doti della mia bella
È tutta mia e io la chiamo la mia coccinella”

Respira

7 Ott

Quando arriva, arriva.

E gliene vorrei dire di ogni.

Poi mi ricordo di respirare; oggi è diventato quasi un tormentone, ma se ci fai caso è vero: spesso stiamo col fiato sospeso.

Nel momento stesso in cui me lo ricordo, tutta torna a fluire.

Il diagramma si sblocca e porta con sé una valanga di emozioni che si erano bloccate all’altezza dello sterno.

Su e giù.

Suuuu e giùùùù.

Suuuuuu eee giùùùùù.

Ecco, sento che va meglio.

Hai provato?

Ha funzionato?

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: