Le odiose MEZZE-VERITÀ

30 Mag

Quanti BASTA! bisogna gridare nella vita!?!?

Tempo fa scrissi un post dedicato interamente ai BASTA!, eccone qui un altro: BASTA CON LE MEZZE-VERITÀ!!

Non riuscirò a farmene una ragione finché avrò vita, perché non voglio rassegnarmi al fatto che ancora ci siano troppa ignoranza (nella sua reale accezione), superficialità, ingenuità, svogliatezza e apatia. Ovviamente (ma non giustamente!) io-azienda, che ho per obiettivo il profitto, sicuramente approfitterò di questa situazione per portare acqua al mio mulino.

Io, però, chiedo: “Gente, non ti sei stancata di essere sbeffeggiata, ridicolizzata e offesa?”.

Vi starete chiedendo quali siano le mezze-verità alle quali mi sto riferendo?! Quella fresca, che mi ha spinto a scrivere questo post, è stata la promessa di scaricare ebook gratis dal sito di un editore che non voglio citare perché mi ha deluso con questa mezza-verità, seppur inizialmente mi avesse ispirato fiducia e professionalità. Mi accingo a scaricare l’ebook scelto ma SORPRESA! è gratis solo il primo capitolo. Il bello è che hanno chiamato una sezione del sito, per l’appunto, “E-book gratis”.

Solamente io resto male davanti a queste false informazioni?

Non si fa più figura a dire le cose come stanno realmente, invece di deludere e perdere un potenziale cliente che per me-azienda vuol dire altri potenziali clienti?

Le mezze-verità e le bugie continueranno a esistere finché la maggior parte delle persone si lascerà ancora facilmente abbindolare (per i motivi inizialmente espressi). Io, però, continuerò a non sopportarle!

14 Risposte a “Le odiose MEZZE-VERITÀ”

  1. stefano 31 maggio 2010 a 12:14 #

    Domanda.
    Quanto siamo coresponsabili di queste mezze verità, o peggio ancora di molte menzogne?
    La sfiducia nel fatto che quasi mai gli le azioni commerciali che ledono solo le aspettative vengano punite ci porta all’immobilismo.
    Vogliamo le città pulite, e spesso buttiamo la carta nei cestini, ma se vediamo qualcuno che non lo fa incurante del comune senso civico, abbiamo solo un pensiero negativo e continuiamo per la nostra strada.
    Ci convinciamo del fatto che non sta a noi educare alla cività, ed è vero, ma mi vine in mente una frase: “Se non ora quando? Se non io chi?” e non mi sento leggero.

    • frafalla 31 maggio 2010 a 22:00 #

      Io non mi sento affatto corresponsabile.
      Quello che scrivo qui corrisponde anche a quello che condivido quotidianamente con le persone che conosco e incontro; corrisponde con le mie azioni.
      Rabbrividisco al solo pensiero di essere assalita dall’immobilismo di cui parli.
      Io sostengo l’azione! Dare il buon esempio è uno dei miei “credo”. 🙂

  2. Mr.Loto 31 maggio 2010 a 14:22 #

    Beh in questo caso penso che la mezza verità produca più danno che guadagno; anch’io avrei fatto come te. Meglio dire subito la verità, si ha tutto da guadagnare.

  3. variabile 1 giugno 2010 a 11:58 #

    “Verità commerciale” e “Bugia commerciale” sono sinonimi, mi disse una volta un venditore di automobili, rispondendo in merito ad alcune domande sui perenni ritardi nei tempi di consegna pattuiti.
    E’ triste ma spesso questo camminare sul filo del rasoio, tra la sodomia del prossimo e l’eleganza di un irreprensibile doppiopetto viene visto anche con una certa simpatia. C’è anche del masochismo, a volte.

    • frafalla 1 giugno 2010 a 12:33 #

      Purtroppo è questa la triste realtà! A quanto pare non sono la sola a vedere certe situazioni, quindi potremmo impegnarci a migliorarla, questa triste realtà. 🙂

      Non ho ben capito la tua espressione “sodomia del prossimo”?!

      • variabile 1 giugno 2010 a 14:17 #

        meglio così 😉
        un modo colorito per intendere “fregare gli altri”.

      • frafalla 1 giugno 2010 a 16:48 #

        😀
        Non si finisce mai d’imparare!

  4. Alfonso 14 giugno 2010 a 00:03 #

    A mio parere anche il titolo “Le odiose Mezze-Verità” è di per se una mezza verità. Certi comportamenti vanno indicati e catalogati per quello che sono, delle pure e semplici Bugie o se vogliamo Menzogne, Falsità o ancora Prese in Giro.
    A mio parere il rispetto degli altri, laddove attuato, non dovrebbe essere a “pezzetti” ma totale, quindi il fatto che l’editore/commerciante in questione, si è guadagnato il titolo di “Odiose Mezze-Verità” solo perchè un capitoletto del libruncolo a differenza dell’annuncio lo ha dato free, non lo risparmia dal definirlo bugiardo o falso.
    Anzi volendo definirle più concretamente, questi tipi di azioni in ambito commerciale si definiscono pubblicità ingannevole, e non si può troppo scherzare con esse, personalmente per un caso analogo, creazione di un Forum su ForumUp (a proposito non concordo con il fatto di non menzionare l’Editore o il sito, avresti fatto un servizio a tutti coloro che come te possono arrivare su quel sito e non essere sbeffeggiati, oltre che un danno commerciale per il soggetto, più tangibile) per una regola scritta nelle FAQ del Forum ormai obsoleta e non più applicata a dire dello staff, mentre io solo grazie ad essa avevo creato il mio spazio, dopo vari botta e risposta mi è bastato ricordare i DL 145 e 146 del 2007 che regolamentano la pubblicità in tal senso (anche on-line) e di denunciarli all’AGCM oltre che all’AGCOM, per ricevere indietro il dovuto tra mille scuse.
    Quindi concordo con il sentirsi in questi casi sbeffeggiati, ridicolizzati e offesi, anche se, a mio parere la colpa di ciò non è degli “ignoranti o superficiali” che stanno anche aumentando, ma, e in tal senso la penso come Stefano quando parla di corresponsabilità di ciascuno di noi, di tutti quelli che come noi riescono a “vedere” il raggiro e a “sentire” ancora una giusta offesa e che nel concreto però fanno poco. Non è una singola azione che cambia il mondo o le cose, ma la somma di tante di esse e se ognuno di noi pensa che la propria azione tanto non servirà a nulla, quella famosa somma non potrà mai avvenire.

    • frafalla 14 giugno 2010 a 07:36 #

      Hai ragione, si chiama PUBBLICITÀ INGANNEVOLE. Concordo pienamente sul fatto che ognuno, nel suo piccolo, deve dare il proprio contributo, altrimenti la somma non si avrà mai. Non ho ritenuto opportuno fare il nome per non creare PUBBLICITÀ INDIRETTA: avrei creato comunque affluenza al suo sito, più notorietà e, vuoi o non vuoi, avrei anche contribuito al suo business; perché non tutti la pensiamo allo stesso modo e siccome, come ho scritto nel post, molti abboccano facilmente a questi ami, non ho voluto partecipare a questa pesca ingannevole. Non so, è un po’ delicato come argomento. Anch’io sarei per fare i nomi (infatti in un post precedente feci il nome di Conto Arancio perché, comunque, è già una realtà molto conosciuta e ho ritenuto opportuno marciare contro), in questo caso è un’azienda in divenire e, ripeto, avrei contribuito a farla conoscere.

  5. Alfonso 14 giugno 2010 a 08:11 #

    Rispetto il tuo punto di vista in merito al non nomirare di chi si trattasse, ma a mio parere la cosiddetta “gente ignorante” l’ho è perchè non si informa o e informata male. Viceversa, quando gli si da una informazione precisa, circoscritta e abbastanza indiscutibile, sono proprio i cosiddetti “ignoranti” che se percepiscono che qualcuno con il raggiro gli vuole mettere le mani in tasca che ne decretano la “morte economica” (scusate la terminologia diretta, ma a volte rende meglio di mille parole) non so se conoscete il detto che cita “i diritti muoiono per mano dei fessi” questo spesso è lo specchio della realtà, ovvero il sentirsi tanto, troppo sicuri, proprio perchè si pensa che la maggior parte delle persone sono creduloni o male informati o meglio non ha tempo per fare una sia pur minima protesta, induce ad essere leggeri, poco chiari e a sconfinare rispetto alla legge, tutte cose che se evidenziate anche agli “ignoranti” li rendono quanto meno un pò più consapevoli e soprattutto potrebbero spiazzare i “FURBETTI”.
    Personalmente non mi dispiacerebbe conoscere chi è questo genio, seppur perverso, del raggiro, ho una certa idiosincrasia verso chi a vario titolo e con modalità diverse vorrebe ingabbiare il mio e altrui pensiero, intelligenza, ragionamento, con modalità apparentemente innocue, ma subdole.

    • frafalla 14 giugno 2010 a 13:16 #

      Queste tecniche non sono affatto “geniali”, le subiamo da anni, quotidianamente, dalle multinazionali e le grandi aziende. Nonostante queste tecniche siano state denunciate a tutti i livelli, da tantissime persone, e siano stati fatti tutti i nomi del caso, queste aziende (vodafone, fastweb, elvive, l’oreal, ecc.) dominano sempre e comunque e le prede non mancano mai. Loro tanto sono già famose, in un modo o nell’altro. In questo caso non è ancora un’azienda famosa e non contribuirò a farla diventare tale. Magari ci incapperai anche te, avvicinandoti al mondo degli ebook, e la riconoscerai subito. 🙂

  6. Alfonso 14 giugno 2010 a 15:11 #

    Se accadrà di incianparci farò un fischio tale che a questi signori rimbomberanno le orecchie così come sta accadendo in Sudafrica con le micidiali Vuvuzela.

    • frafalla 14 giugno 2010 a 20:43 #

      Ecco cos’era quel frastuono incredibile durante la partita di stasera!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: